Portale Nordest
 mobile

Comune di Noventa Padovana

Noventa Padovana

Via Roma 4 - 35027 - Noventa Padovana (PD)
Veneto

tel: 049 8952120 fax: 049 8930280

e-mail: segreteria@comune.noventa.pd.it
pec: noventapadovana.pd@cert.ip-veneto.net
web: www.comune.noventa.pd.it

Storia

Noventa, il suo toponimo è tra quelli più precocemente attestati nelle testimonianze medievali padovane, lo si trova infatti citato nei documenti a partire dal X° secolo e sembra collegarsi al termine latino NOVA o NOVALE ossia " terra di recente coltura " proprio per le bonifiche fatte in quell'epoca nelle zone paludose del Brenta..
Fu con molta probabilità un villaggio rurale soggetto alla vicina Padova e sorse forse nel periodo in cui queste terre erano abitate dagli Eneti.
Dai documenti sappiamo che nel Medioevo il territorio era compreso fra i beni dei Canonici della Cattedrale di Padova e tale rimase fino al 1400.
La sua posizione, la ricchezza d'acque e le fertilità delle terre attirarono indubbiamente molti ricchi esponenti della nobiltà padovana, basti pensare che nel XIV secolo il maggior proprietario terriero era Enrico Scrovegni, uomo d'affari e banchiere il cui nome è legato alla Cappella affrescata da Giotto.
Egli aveva acquistato i possedimenti un tempo appartenenti ai Delesmanini che qui avevano un castello, ma quando lo Scrovegni fu esiliato a Venezia il suo feudo passò al veneziano Nicolò Foscari.
Il trecento fu un secolo di guerre, carestie e pestilenze, a tal punto che una profonda crisi demografica mise a rischio l'esistenza dell'abitato.
Ma la tendenza cambiò radicalmente dopo la dedizione di Padova a Venezia quando nel '400 le proprietà dei Carraresi furono messe all'asta, i patrizi veneziani spostarono i loro interessi dal mare alla terraferma privilegiando le proprietà lambite dalle acque del Brenta che garantivano comunicazioni veloci.
Rifiorirono allora, traffici e coltivazioni, il porto documentato sin dal 1095 recuperò l'antica importanza.
A partire dal secolo XV e ancor più decisamente dal secolo successivo e le rive si popolarono di edifici, palazzi ed aziende agrarie segnando al fisionomia del paesaggio.
Oltre al corso del Brenta a Noventa fu utilizzato anche il Piovego che risultò comunque secondario e non altrettanto abitato.
Prima e dopo il XIX secolo Noventa seguì le sorti di Padova restando annessa alla Provincia contrariamente agli altri paesi della Riviera del Brenta ( fino ad Oriago ) che da meno di sue secoli fanno parte della Provincia di Venezia.
Le denominazione ufficiale di Noventa Padovana è del 1867 anno dell'annessione del Veneto al Regno d'Italia che con Regio Decreto dell'11 agosto la distinse dagli omonimi comuni di Noventa Vicentina e Noventa di Piave.
L'appellativo odierno è comunque la conferma dell'antica denominazione in uso nei sec. XVII e XVIII di Noventa sotto Padova.