Portale Nordest
 mobile

Comune di Bertiolo

Bertiolo

Viale Rimembranze, 1 - 33032 - Bertiolo (UD)
Friuli Venezia Giulia

tel: 0432 917711 fax: 0432 917860

e-mail: segreteria@comune.bertiolo.ud.it
pec: comune.bertiolo@certgov.fvg.it
web: www.comune.bertiolo.ud.it

Storia

Bertiolo, secondo la leggenda popolare deriverebbe dal nome di un suo primitivo abitante Berto, il quale avrebbe dimorato in una località palustre detta “Olis” derivante dal verbo latino “oleo”, che vuol dire profumare. Lo storico Giovanni Frau lo attribuisce ad un nome di persona, a sua volta forma diminutiva del germanico Berto. C’è l’ipotesi che potrebbe derivare anche da un termine slavo riferito alle popolazioni che furono importate, nel secolo X, dal patriarca di Aquileia per ripopolare le campagne rimaste deserte dopo la disastrosa invasione degli Ungari.
Nel corso dei secoli Bertiolo fu sicuramente abitata da contadini e allevatori di bestiame e non divenne mai un consistente nucleo abitato. Tra il 1250 e il 1350 esisteva un piccolo centro abitato; infatti all’epoca fu costruita la chiesetta dedicata alla SS. Trinità; alcuni ritengono che le fondamenta della vecchia parrocchiale, ora sacrestia, posino su un preesistente tempio pagano campestre.
Nella frazione di Sterpo, che rappresenta un un interessante esempio di architettura di borgo agricolo, con le case disposte ad arco l’una di seguito all’altra, qui si trova la Villa Venier.
Dopo il XVI sec.  La Villa Venier fu costruita sopra le fondamenta del castello di Sterpo, frazione di Bertiolo ad opera dei Colloredo
Alla fine del XVIII sec. la struttura venne trasformata più volte dalla famiglia Venier
In quel periodo il borgo fortificato, sorge nel luogo dove, nel XIX secolo, Martino della Torre approntò un castello fortificato. Di questa antica costruzione rimangono due torri integrate una nell’edificio padronale secentesco, l’altra nella chiesa neoclassica di cui costituisce l’abside. Attualmente il complesso, dopo essere passato nel corso dei secoli attraverso le vicissitudini dei signori che lo ebbero in proprietà, appartiene al dott. Giovanni Venier che ha realizzato numerose migliorie e consolidamenti.
Caratteristica dell’economia di questa zona sono le vaste coltivazioni della vite, la terra particolarmente adatta per la produzione vitivinicola, viene sfruttata ed è questa zona di grossa produzione, soprattutto dei vini Merlot e Sauvignon.