Portale Nordest
 mobile

Comune di Comeglians

Comeglians

Via Roma 19 - 33023 - Comeglians (UD)
Friuli Venezia Giulia

tel: 0433 60052 fax: 0433 60401

e-mail: segretario.comeglians@eell.regione.fvg.it
pec: comune.comeglians@certgov.fvg.it
web: www.comune.comeglians.ud.it

Storia

Comeglians, nel Canale di Gorto, come toponimo deriva da “Comelicanus”, cioè abitanti del Comelico.   Le sue origini sono sicuramente antiche e risalenti almeno all’epoca romana. Antica risulta anche la pieve, che trova riferimento nella chiesa di San Giorgio, antica, ma rimaneggiata nel XVIII secolo.   Nel Trecento risulta essere uno snodo importante per i collegamenti tra la Pieve di San Giorgio e i traffici della verso il nord. Soprattutto per quanto riguarda il commercio del legname, per il quale rappresentò il fulcro fino alla Seconda Guerra Mondiale.   Nel nuovo ordine amministrativo imposto dall’amministrazione napoleonica venne inserito nel Dipartimento di Passariano, Distretto di Tolmezzo e Cantone di Rigolato. L’amministrazione austriaca trasformò il cantone in distretto di Rigolato, XVIII della Provincia del Friuli, diventuto XVII nel 1818, con l’accorpamento delle frazioni di Chialgoretto, Mielis, Povolaro e Tualis. Nel 1819 venne istituito un consiglio comunale.   Nel 1915 entrò in funzione la ferrovia del Degano, una linea a scartamento ridotto (750 mm) che collegava Comeglians a Villa Santina e gestita dalla Società Veneta. Venne massicciamente utilizzata durante la Prima Guerra Mondiale dall’Esercito Italiano, ma gli eventi bellici la danneggiarono e il servizio venne sospeso.   Riprese la sua attività il 1 febbraio 1920, gestita dal Consorzio Ferrovia Val Degano, costituito dai comuni interessati all'esercizio della linea. Per problemi finanziari del Consorzio l’esercizio venne sospeso nel 1931 e la linea dismessa nel 1935.   Nel 1944 vennero inglobate nel comune, quali frazioni, anche le località di Munchia e Nojaret. Nel febbraio 1945, dopo che avevano occupato quasi tutta la Carnia, anche a Comeglians si stanzia un reparto di Cosacchi, la Legione georgiana comandata dal colonnello Fridonio Zuiukize.   Dopo la guerra, l’economia del paese si mantenne la struttura economica tradizionale, anche se l’economia del legno andò, come detto, declinando. Negli ultimi anni ci sono alcune aperture al turismo, come base per escursioni montane, con la creazione di un “Albergo diffuso”.
Comeglians oggi fa parte del Mandamento di Tolmezzo e comprende le frazioni di Mieli e Calgaretto.