Portale Nordest
 mobile

Comune di Ronchis

Ronchis

Corso Italia 72 - 33050 - Ronchis (UD)
Friuli Venezia Giulia

tel: 0431 56014 fax: 0431 56481

e-mail: protocollo@com-ronchis.regione.fvg.it
pec: comune.ronchis@certgov.fvg.it
web: www.comune.ronchis.ud.it

Approfondimenti

A.N.A. Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di Ronchis
Liana Cisilino

Storia

Il toponimo Ronchis pare derivi dal latino “runcare”: disboscare, ma potrebbe derivare anche direttamente dal friulano “ronc” vorrebbe dire: terreno messo a coltura dopo il disboscamento. Risulta antico l’insediamento di Ronchis, che era sotto la giurisdizione della pieve di Latisana

Nella storia della località acquista risalto la fondazione dell’ospizio di S. Bartolomeo di Volta, fondato dai cavalieri di S. Giovanni di cui si ha prima notizia nel 1296, ma già da prima esistente. Aveva il compito di dare asilo ai pellegrini che lungo le strade di grande comunicazione si recavano a Latisana per imbarcasi per l’Istria, Dalmazia e Terrasanta.

Nel 1451 Ronchis passò sotto la giurisdizione del Patriarcato di Venezia e nel 1751 sotto quella dell’Arcivescovado di Udine. Questa località, dopo essere stata dei Vendramin, fu in seguito spezzettata tra nobili famiglie veneziane e questa situazione rimase inalterata sino all’avvento di Napoleone.

Successivamente, dopo il trattato di Campoformido 1797, passò all’Austria dove rimase, salvo il breve periodo francese, sino al 1866, quando venne unito al regno d’Italia.