Portale Nordest
 mobile

Musica e Folklore

Filarmonica "L. Mattiussi", Artegna

https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_conoscere/images/conoscere/musica-e-folklore/filarmonica-l-mattiussi-artegna.png
https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_nordest/images/friuli-venezia-giulia/udine/artegna.jpg

Artegna (UD)

Friuli Venezia Giulia

I reperti scoperti sul colle di Artegna affermano che fu abitata già in epoca preistorica, sono stati anche trovati reperti di un insediamento romano come frecce, lance, spille, vasi lacrimatori...

Continua a leggere..

La Filarmonica "L. Mattiussi" nacque nel 1878 per volontà di una ventina di appassionati di Artegna guidati dal Maestro Luigi Mattiussi, allora ventiquattrenne, che prese la direzione del complesso bandistico e mantenne il suo incarico per ben cinquant'anni, fino al 1928. Per ricordare la sua opera, nel 1953 il complesso prese il nome dal suo primo Maestro e fondatore. Alcuni dei brani suonati in questo periodo furono: "Va pensiero", "Inno di Mameli", "Addio, mia bella addio" e "Camicia rossa".
Il secondo periodo della storia della Filarmonica va dagli anni 1928 al 1945 nei quali il gruppo raggiunse le 40 unità. Gli anni 1943-44 furono per la banda molto difficili. Durante l'occupazione tedesca, i bandisti si recavano alle prove muniti di lasciapassare che consentiva loro di muoversi in paese nonostante il coprifuoco.
Con il passare degli anni si susseguirono diversi presidenti e maestri, tra quest’ultimi emerse la figura di Antonio Marti, napoletano, docente al Conservatorio Musicale di Udine e prima tromba dell'Orchestra Sinfonica di Udine. I primi anni '50 furono anni intensi, l'organico oscillava tra i 60 e i 70 elementi, si ebbero le prime divise complete e numerose partecipazioni fuori paese; tra queste si ricordano e esibizioni all'Arena di Verona, a Monza ed alla Fiera di Milano. Con il 1957 iniziò un'altra fase della vita della Filarmonica "L. Mattiussi". Grazie al particolare interessamento di Don Igino Paroni prima e Don Lucio Soravito dopo, il complesso bandistico si ringiovanì notevolmente grazie all'istituzione della Scuola di musica che da allora e tuttora in funzione.
L'ultima rivoluzione per la Filarmonica avvenne nel 1974 con l'affidamento della stessa al Maestro Pino Costa, allora direttore della Fanfara della Julia.
Attualmente l'organico del complesso bandistico è di circa 45 bandisti e, dopo il cali di partecipazione registrati nei primi anni '90, è in atto un'ulteriore processo di rinnovamento grazie alla Scuola di Musica della Filarmonica che ogni anno sforna tre-quattro nuovi bandisti. La Filarmonica "L. Mattiussi" è inscritta all'ANBIMA ed è diretta da un presidente, attualmente Andrea Beltrame, e da un Consiglio Direttivo formato da bandisti e simpatizzanti.
Il maestro è ancora il sig. Pino Costa, che per meriti acquisiti nella direzione della Filarmonica e dalla Scuola di Musica, già da qualche anno ha ottenuto il conferimento della cittadinanza onoraria di Artegna.

406