Portale Nordest
 mobile

Castelli, fortezze e manieri

Castello De Bona-Urbanis di Aiello del Friuli

https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_conoscere/images/conoscere/castelli-fortezze-e-manieri/castello-de-bona-urbanis-di-aiello-del-friuli.jpg
https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_nordest/images/friuli-venezia-giulia/udine/aiello-del-friuli.jpg

Aiello del Friuli (UD)

Friuli Venezia Giulia

Aiello sorge su un’area abitata continuamente sin dall’epoca pre-romana. Le testimonianze rinvenute nel corso degli anni affermano la presenza di insediamenti preistorici o protostorici. Per esempio le tracce che furono...

Continua a leggere..

Il Castello De Bona-Urbanis si trova ad Aiello del Friuli, in via Petrarca. La costruzione attuale, ancora ben connotata nei suoi elementi militari, come le due possenti torri, sorge su una precedente costruzione tardomedioevale, che fungeva da difesa del territorio circostante.

Anticamente apparteneva alla famiglia Rabatta di Gorizia, che aveva i diritti sulla zona e di cui si hanno notizie della presenza ad Aiello sin dal 1589. Per la sua costruzione furono utilizzate delle pietre provenienti da Aquileia.

Venne acquistato in seguito, nel 1763, dalla famiglia De Bona, originaria di Ragusa che lo possedette sino all’inizio del XIX secolo. Infatti, nel 1809 venne venduto alla famiglia Urbanis, originaria di San Daniele del Friuli.

In questo secolo un incendio distrusse l’annessa cappella dedicata a San Michele. Nel primi del Novecento gli Urbanis si trasferirono a Udine e l’edificio ebbe diversi proprietari e adibito ad usi diversi (fabbrica di sedie, asilo, abitazione).

Il “Cjiscjel” come viene chiamato, è di forma quadrangolare, con due robuste torri. È affiancato da un bel parco ricco di ippocastani e abeti, che anche se non molto grande si inserisce bene tra il castello, l’abitato circostante e la campagna.

Attualmente il Castello De Bona-Urbanis è ad uso abitativo privato, suddiviso in più proprietà. L’ala sud, di proprietà della famiglia Spirelli è stata soggetta ad un attento restauro che ne ha valorizzato le caratteristiche costruttive. Il castello si può visitare su prenotazione.

276