Portale Nordest
 mobile

Pittori, scultori, scrittori e altri personaggi illustri

Ernesto Mitri

https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_conoscere/images/conoscere/pittori-scultori-scrittori-e-altri-personaggi-illustri/ernesto-mitri.png
https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_nordest/images/friuli-venezia-giulia/udine/udine.jpg

Udine (UD)

Friuli Venezia Giulia

Gli storici antichi davano per certo, basandosi su una leggenda, che il fondatore della città fosse Attila re degli Unni, il quale durante l'assedio di Aquileia, nel 452, avrebbe dato...

Continua a leggere..

Ernesto Mitri è nato a Udine nel 1907. Dopo l'avvio all'attività artistica ancora ragazzo, nel primo dopoguerra, mentre lavorava in uno stabilimento litografico, aveva seguito i corsi professionali alla Scuola Giovanni da Udine. Nel 1926 il direttore della Scuola, l'architetto Ettore Gilberti, avendone notato le qualità, gli concesse un sussidio per perfezionarsi all'Istituto statale d'arte di Venezia. Nel 1928 Mitri espose alla Bevilacqua-La Masa. Fu la sua prima mostra, cui seguirono personali e partecipazioni a rassegne sindacali e a varie collettive a Udine, Trieste, Milano e Roma. Le prime composizioni avevano soggetto veneziano, dove il pittore concentrò la dialettica cromatica. In Novecento serve a Mitri per descrivere aspetti del proprio Friuli con novità d'assunto e con una prosa piena e discreta, di un colore ridotto, gemmeo e funzionale. Mitri comincia anche ad applicarsi all'arredamento e alla decorazione architettonica. Nel 1932 elaborò il progetto per la riforma novecentista del Bar Cotterli, a Udine. Dal 1935 al 1940 Mitri insegnò nelle scuole medie di Mondovì. Le colline piemontesi gli ispirarono alcune opere di limpida stesura, con inflessioni sul paesaggio della pittura rinascimentale. Diverse opere realizzate da Mitri al rientro a Udine andarono perdute nei bombardamenti del 28 e 29 dicembre 1944, che distrussero la casa dell'artista. Il dopoguerra apre a Mitri una ricca e intensa stagione creativa, caratterizzata da una successione di influssi che l'artista media con intelligenza e trasforma in meditate acquisizioni personali. Da quadri con influenza neorealista a dipinti con forme sempre più arrotondate, da nudi a cicli di pittura sacra e monumentale. Nel 1958 Mitri vinse il concorso per il mosaico della sala riunioni della Camera di Commercio di Udine.

283