Portale Nordest
 mobile

Fiumi, laghi, cascate

Laghi di Fusine

https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_conoscere/images/conoscere/fiumi-laghi-cascate/laghi-di-fusine.jpg
https://www.portalenordest.it/administrator/components/com_nordest/images/friuli-venezia-giulia/udine/tarvisio.jpg

Tarvisio (UD)

Friuli Venezia Giulia

Centro industriale e commerciale ma soprattutto importante località di villeggiatura estiva e di sport invernali. Sorto nel punto in cui si incontrano i confini d’Italia, Austria e Slovenia.   Gli insediamenti umani...

Continua a leggere..

La conca dei Laghi di Fusine, nota per la sua bellezza, é uno dei luoghi di maggior valore naturalistico dell'intera catena alpina. Lo straordinario incanto del luogo, caratterizzato da rigogliose foreste e imponenti montagne, richiama migliaia di visitatori l'anno.

I due laghi di Fusine, compresi all'interno del Parco naturale di Fusine, sono forse tra i più belli specchi d'acqua della regione. Si trovano all'interno di una conca racchiusa da un un imponente arco montuoso dominato dalla mole del monte Mangart. Sono raggiungibili in auto da Fusine tramite una stretta rotabile a pedaggio nel periodo estivo.

I due laghi occupano un vasto circo glaciale e sono sorretti da cordoni morenici di notrevole sviluppo. Il cordone frontale, che è quello principale, sbarra il lago Inferiore e si eleva sul fondovalle di oltre 120 metri.
Il Lago Superiore si trova a 929 m s.l.m., ha una profondità massima di 10 m ed una superficie di 9 ha; il lago inferiore si trova a 924 m s.l.m., ha una profondità massima di 25 m ed una superficie di 13,5 ha. Nelle vicinanze del lago inferiore si trovano anche altri due minuscoli specchi d'acqua, chiamati laghi piccoli. Il lago Superiore alimenta il lago Inferiore per via sotterranea e quest'ultimo alimenta l'emissario di entrambi i laghi.

Dai laghi di Fusine si possono intraprendere escursioni di diversa lunghezza. Oltre al classico giro dei due laghi, collegati da comodi sentieri, si segnala la possibilità di raggiungere il rifugio Zacchi.

262